PAOLA RATTAZZI / CLAUDIO SALVAGNO Paesaggi interiori ed altri silenzi…

5 – 26 agosto 2012

MUSEO DEL MOBILE DELL’ALTA VALLE VARAITA
E DELLA TRADIZIONE CULTURALE ALPINA DI CASTELPONTE

Antica Strada Casteldelfino-Chianale
Frazione Castello, 53 – 12020 PONTECHIANALE (CN)
Direzione: Celeste Ruà

Riapre il 5 agosto con la mostra: “Paola Rattazzi e Claudio Salvagno. Paesaggi interiori ed altri silenzi…” l’attività culturale del Museo del Mobile dell’Alta Valle Varaita, un piccolo, quanto suggestivo spazio espositivo, ricavato all’interno di una tipica dimora alpina d’epoca, nella Frazione Castello di Pontechianale (m. 1603 s.l.m.) nell’alta valle Varaita.

La rassegna, curata da Paolo Infossi, con il patrocinio della Comunità Montana Valli del Monviso e del Comune di Pontechianale, propone una quarantina di opere tra dipinti e sculture.

Paola Rattazzi e Claudio Salvagno sono due artisti molto diversi, nella formazione, nella tecnica e nei materiali impiegati. Paola, si esprime con la pittura, ed i suoi paesaggi sono il risultato di un delicato impasto di colori e di sentimenti, indissolubilmente legati all’esistenza. Claudio, è un poeta, un poeta di un dialetto antico e originario o di una “lingua altra” come l’Occitano. Ma è anche artista, scultore, dalle forme anche più tormentate e aggressive, ogni qual volta prevale il suo istintivo desiderio di toccare, modellare la materia, come il legno o la pietra.

Al centro della loro attenzione, c’è un’intimistica visione della natura e del paesaggio, che assumono forme ed aspetti suggeriti dall’intensità della tensione interiore, simbolica e spirituale, e dell’immaginario, che le elabora, le trasforma e le interpreta. Sono paesaggi reali o immaginari, luoghi e non luoghi, raccolti in impressioni che non cedono mai a tentazioni naturalistiche, ma riflettono emozioni ed esperienze comuni, un processo condiviso nel coglierne il senso, il riflesso, il respiro, l’attimo.

In questi lavori il paesaggio e l’anima, sono strettamente legati, connaturati. Intimamente legati come s’incontra di rado nel lavoro di un artista. Anima e paesaggio, descritti con toni avvolgenti e coinvolgenti. Entrambi parlano della natura, catturandone gli elementi sostanziali, per recuperare, infine, anche le forme più ancestrali che si perpetuano, rinnovandosi in frammenti di armoniosa bellezza, per svelare un ambiente ideale, un paesaggio affettivo, che diviene anche “casa”.

Un percorso emotivo, vissuto con gli occhi e con il cuore, per raccontare infinite storie di palpitanti primavere e di lunghi inverni, di luci e di ombre scure, di inquietudini e di umana solitudine, di gioie e di malinconie.

Paola Rattazzi e Claudio Salvagno, sono due artisti che manifestano, ancora intatto, il gusto della scoperta e di sapersi stupire, di provare meraviglia e, osservando i loro lavori, sembra che intendano dialogare anche con quel bambino che dovrebbe ancora sopravvivere in ognuno di noi. Scrisse Sigmund Freud: «Das Kind ist der Vater des Mannes». E cioè: Il bambino è il padre dell’uomo. Un concetto che al di là delle interpretazioni scientifiche più aderenti o intransigenti, potrebbe anche significare che non è sicuramente sbagliato provare ad ascoltare, talvolta, quel “padre”. Ascoltare quelle sensazioni che possono suggerire, anche agli adulti, di provare a “guardare” tutto ciò che ci circonda con occhi profondamente diversi. [dal comunicato stampa]

orari: dalle ore 15,30 alle ore 18,30
Chiuso il lunedì
Visite guidate e gruppi, anche in altri orari, su prenotazione
Ingresso gratuito
Catalogo in mostra
Info: Ufficio Turistico di Valle: (0175) 970.640
museodelmobile@tiscali.it

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Paola Rattazzi e Claudio Salvagno. Paesaggi interiori ed altri silenzi…

Inaugurazione mooolto speciale: vino, pappa, musica e danze occitane!

Grazie a Paolo Infossi, Celeste Ruà, Claudio Salvagno e a tutti quelli che hanno partecipato!!!